Latest Article

Fiera del Tartufo Asti 4 novembre 2013

La Fiera del Tartufo Asti la vive sempre come una festa di quelle da considerarsi come un tutt’uno con la natura  del territorio al quale una città storica come Asti appartiene: il Monferrato. La tradizione culinaria importante che riguarda  Asti non può prescindere da un ingrediente così importante come il tartufo ! Centinaia di ricette […]

A Perloz dal 16 al 18 luglio la Fehta dou pan ner

Dal 16 al 18 luglio Perloz, piccola localita’ all’inizio della valle di Gressoney, celebrera’ uno dei capisaldi dell’enogastronomia valdostana, il pane nero, con la ‘Fehta dou pan ner’. Giunta alla 36/a edizione, la sagra si svolgera’ in localita’ Marine, intorno ad un antichissimo forno a legna che viene fatto rivivere per l’occasione. La panificazione comincera’ la settimana precedente, sino al clou della manifestazione, in programma domenica 18 luglio, quando il pane accompagnera’ il pranzo a base di capretto, insaccati e l’immancabile polenta.

Passeggiata nel Parco di Rocchetta Tanaro e Merenda Sinoira

Domenica 4 Luglio 2010

Passeggiata e Merenda Sinoira per tutti gli amanti della natura!!!

La Pietra Verde vi invita a partecipare Domenica 4 Luglio a un’altra domenica all’insegna della buona cucina e della natura.
Questa volta siamo lieti di accompagnarvi in una passeggiata nel Parco Naturale di Rocchetta Tanaro, seguita da una Merenda Sinoira presso l’ Agriturismo Il Casolare di Montegrosso d’Asti!
La giornata sarà organizzata in questo modo:

pomeriggio: ritrovo ore 14 presso il parcheggio del Parco Naturale di Rocchetta Tanaro (AT). Dal parcheggio  imboccheremo il Sentiero Natura (1h e 30’ di camminata, difficoltà bassa) che ci porterà a scoprire il Parco il cui valore naturalistico è rappresentato dal bosco: un querceto misto in cui le specie dominanti sono la rovere, la farnia e il carpino, ma dove sarà possibile anche osservare i gamberi di fiume e osservare diverse tracce di mammiferi.

tardo pomeriggio (ore 17): da Rocchetta Tanaro ci sposteremo a Montegrosso d’Asti (20 minuti circa), presso l’agriturismo Il Casolare dove sarà possibile fare una merenda sinoira: un classico della tradizione piemontese, ideale per i languori del pomeriggio!

Ecco il menu della Merenda :
Selezione di salumi nostrani accompagnatida pani fatti con farine integrali cotti a legna.
Cruda di fassone battuta al coltello e scaglie di parmigiano, Vitello tonnato tradizionale, Flan di verdure di stagione
Riso carnaroli alle zucchine e salsiccia,  Selezione di formaggi nostrani. Dolce della casa.

Costo a persona:  25 euro (bevande incluse)


Equipaggiamento consigliato :

  • abbigliamento comodo, scarponcini da trekking, k-way o giacca impermeabile in caso di pioggia
  • binocolo e macchina fotografica

Come prenotare:
Per l’iscrizione potete inviare una mail (indicando Nomi, Cognomi, telefono, mail di tutti i partecipanti) al seguente indirizzo:

  • assopietraverde@yahoo.it

oppure chiamare i seguenti numeri:

  • SIMONA COMOTTI  3491282559
  • FEDERICA SARDO   3398159816
  • LA PIETRA VERDE 3392358070
Domenica 4 Luglio 2010
Passeggiata e merenda sinoira per tutti gli amanti della natura!!!

La Pietra Verde vi invita a partecipare il 4 luglio a un’altra domenica all’insegna della buona cucina
e della natura.

Questa           volta        siamo         lieti       di       accompagnarvi             in       una         passeggiata
nel   Parco       Naturale      di   Rocchetta        Tanaro,      seguita     da   una    Merenda       Sinoira      presso
l’agriturismo “Il Casolare” di Montegrosso d’Asti!

La giornata sarà organizzata in questo modo:

?pomeriggio: ritrovo ore 14 presso il parcheggio del Parco Naturale di Rocchetta Tanaro (AT).
Dal parcheggio  imboccheremo il Sentiero Natura (1h e 30’ di camminata, difficoltà bassa)
che   ci   porterà   a   scoprire   il   Parco   il   cui   valore naturalistico   è   rappresentato   dal   bosco:   un
querceto misto in cui le specie dominanti sono la rovere, la farnia e il carpino, ma dove sarà
possibile anche osservare i gamberi di fiume e osservare diverse tracce di mammiferi.

?tardo   pomeriggio   (ore   17):   da   Rocchetta   Tanaro   ci sposteremo  a  Montegrosso  d’Asti  (20
minuti circa), presso l’agriturismo Il Casolare dove sarà possibile fare una merenda sinoira:
un classico della tradizione piemontese, ideale per i languori del pomeriggio!

Menù

Selezione di salumi nostrani accompagnati
da pani fatti con farine integrali cotti a legna

Cruda di fassone battuta al

coltello e scaglie di parmigiano

Vitello tonnato tradizionale

Flan di verdure di stagione

Riso carnaroli alle zucchine e salsiccia

Selezione di formaggi nostrani

Dolce della casa

Costo a persona:          25 euro

CASTELDELFINO: Sabato 26 giugno merenda sinoira ed escursione notturna a borgata Brondu

CASTELDELFINO: Sabato 26 giugno merenda sinoira ed escursione notturna a borgata Brondu
PROMOSSO DALL’ASSOCIAZIONE “SASSI VIVACI”. Dopo le uscite notturne sul Mombracco (Rocca la Casna e Croce di Envie), è in calendario il terzo appuntamento, il Notturno in Val Varaita; da Casteldelfino a borgata Brondu sotto la luna piena, tra i silenzi e le luci argentate alla scoperta della natura. Il ritrovo è per sabato 26 giugno alle 19 a Casteldelfino all’agriturismo “il mulino delle fucine”, per la ricca merenda sinoira con i prodotti locali al costo di 15 euro. Alle 20,30 la partenza dell’escursione dalla Piazza Valentino; il costo di partecipazione è di 10 euro a persona, comprensivo di accompagnatore naturalistico, gratuito per i bambini fino a 12 anni. Tutti gli interessati possono iscriversi on line alle proposte dell’associazione e trovare maggiori informazioni, anche sulle altre iniziative in calendario, su www.bedandbreakfastmonviso.com o contattando Sassi Vivaci al 3337107551.

Merenda Sinoira a Cascina Torrine

A partire dal 8 Maggio 2010 sino al 26 settembre 2010, tutti i sabati e le domeniche dalle ore 18, potete gustare la marenda sinoira, un piacevole momento da passare in allegria con amici e parenti.
L’Agriturismo Cascina Torrine, vi propone un attimo di relax e di buona cucina, riscoprendo le antiche abitudini piemontesi.
La merenda sinoira che vi proponiamo è composta dal classico tagliere di salumi e di formaggi, ma non solo troverete altri sfiziosi antipasti; ve ne elenchiamo alcuni: Cipolle al cartoccio con erbe aromatiche, crostino appetitoso con salsiccia, acciughe o alla pizzaiola, tortino al maccagno, frittate di stagione con asparagi, carciofi,cipolle, verdure miste peperoni e dragoncello,lingua di vitello con noci, san carlino alle noci,crostino con lardo,miele, noci o castagne, paletta biellese con marmellata di mele, insalata di pollo, rotolino di speak o bresaola con formaggio, sformato di verdure e tanti altri….
Con solo 15 € potrete gustare la nostra merenda sinoira comprensiva di acqua e vino.
E’ gradita la prenotazione.
Per maggiori informazioni scrivete a:   info@cascinamolinotorrine.com
o telefonate al 0161/966893 – 335 6899938

Cascina Molino Torrine
Via campi di Giugno n. 47
13881 Cavaglià (BI)
http://www.cascinamolinotorrine.com/

Ristorante Locanda Trattoria degli Artisti

Antica tradizione contadina, di origine piemontese, la “Merenda sinoira” è un pasto pomeridiano che, per l’abbondanza, tende a sostituire la cena (per questo “sinoira” o «cenoira»). D’estate, dovendo lavorare i campi anche dopo il tramonto, i contadini organizzavano delle chiassose e ricche merende, sul tardo pomeriggio.Oggi, la “Merenda sinoira” ha luogo solitamente nei giorni di festa e vi regnano sovrani i formaggi e i salumi, può completarla qualsiasi altra specialità, dolce o salata … purché tipicamente piemontese!Verrà da noi proposta con prodotti che varieranno a seconda della reperibilità e freschezza, ma certamente tipici del nostro territorio piemontese.Sarà accompagnata da un buon calice di vino rosso o bianco, in base al gusto personale di ognuno di voi, ma preferibilmente da vitigni piemontesi.Per chi volesse sperimentare l’accostamento cibo-birra, non ha che scegliere o farsi consigliare sulle birre da, noi proposte, selezionate dal catalogo “Bièrethèque”.
Trattoria Locanda degli Artisti Un luogo di ritrovo dove, oltre a dilettare la gola consumando prodotti di provenienza prevalentemente piemontese,  l’ospite potrà esprimere il proprio talento artistico; un angolo, quindi per artisti, dove per “artista” noi intendiamo colui che tira fuori frutti di fantasia, dettati dalle mani, dal cuore e dalla mente. Pittore, scultore, musicista, poeta e quant’altro egli sia, quì trova la sua casa.
La “Birreria degli Artisti” è un luogo con una propria anima, un cassetto che contiene tante menti creative, dove i sogni trovano espressione visibile.

Locanda Trattoria delgi Artisti

Locanda Trattoria delgi Artisti , ia frutteri, 11 Savigliano 12038  CN
Aperto: Venerdì 19.30 – 24.00  – Sabato 19.30 – 24.00
Domenica 12.00 – 14. 45
Mercoledì e Giovedì su prenotazione per gruppi minimo 8 persone
Per Prenotazioni   329 1970251 – Email‎: trattoria_artisti@libero.it‎
http://digilander.libero.it/trattoria_artisti/

Le miche di montagna

In Valsesia vulaiga indica quel frullo sottile della prima neve, i fiocchi che volteggiano in aria e sembra non cadano giù, come la farina o la cenere del forno a legna. E Vulaiga da tempo è diventato il soprannome di Eugenio Pol, ormai leggendario fornaio di Fobello (via Rizzetti 22, tel. 0163-55901).

Prima di avviare il suo laboratorio quassù, è stato cuoco a Milano (dov’è nato) e a Varallo Sesia, imparando i segreti della cucina da celebri chef quali Aimo Moroni, Olivier Roellinger, Marc Veyrat. L’insoddisfazione per la qualità del pane lo ha spinto a studiare e a interessarsi di tutto ciò che concerne l’arte bianca.

Oggi, Eugenio prepara le sue specialità utilizzando il lievito madre, avvalendosi di farine biologiche macinate a pietra e di acqua di montagna batteriologicamente pura. Ottiene così un prodotto genuino e facilmente digeribile, di grande pezzatura e di lunga durata, nel nome della tradizione e della qualità: micche di montagna (con farina di farro e olio extravergine di oliva toscano), pane di segale, pane di kamut alle erbe montane (carvi, achillea, menta, origano selvatico, coriandolo), pane alle noci e il pane della vendemmia, impastato con uva biologica fresca.

Il pane integrale

Ingredienti:
250 gr farina tipo manitoba
250 gr farina integrale (o ai 7 cereali)
un panetto di lievito fresco o in alternativa una bustina di lievito secco
250 ml acqua tiepida quasi calda
1/2 cucchiano di zucchero
1 cucchiaino sale
olio per la teglia

Si mescolano a mano le due farine insieme al sale dentro una grossa insalatiera di ceramica. Si fa rinvenire il lievito – fresco o secco – nell’acqua con lo zucchero e quando è sciolto si mette nella farina. Si impasta inizialmente con una forchetta e subito si passa all’impasto manuale, proseguendo sul piano di lavoro. Bisogna impastare a lungo, aggiungendo di tanto in tanto un velo di farina manitoba sul piano di lavoro per assorbire l’umidità rilasciata dalla farina integrale.Quando l’impasto diventa una palla liscia e omogenea, si rimette dentro la citola leggermente infarinata, si copre con un vanovaccio pulito e la coperta di lana (rimboccata a lati, per non creare sbalzi di temperatura). Si lascia un’ora e mezzo abbondante affinché triplichi di volume.
Si lavora di nuovo a mano velocemente e si mette a riposo, con le stesse modalità, per ancora un’oretta scarsa (mezz’ora può anche andare bene se non si ha tempo). Diciamo che in totale, il tempo di lievitazione dovrebbe essere di 2 ore, inframezzato da un reimpasto.Prima della fine della seconda lievitazione, si accende il forno a 230° (fino a 250° va bene, dipende dai forni). Si olia una piastra da forno, meglio se in alluminio. Si inforna il pane a forma di palla, con una croce sopra incisa col coltello (ognuno gli dia il significato che crede, ma a me piace molto da vedere) e si lascia a questa temperatura per 10 minuti e poi si abbassa a 220° per ancora una ventina di minuti. Il pane si deve dorare. Io poi lo lascio asciugare ancora dieci minuti a temperatura moderata. Si può testare la cottura sentendo il pane con uno stecchino di legno. Si lascia riposare a forno aperto ancora un po’ e poi fuori, sulla gratella. Il profumo è meraviglioso e dura a lungo….

Domenica 9 maggio teatro di strada e merenda sinoira

IL TRIO SFARANGIA’ alla prese con la bagna caoda. Domenica 9 maggio, per quanti volesse fare una gita fuori porta nelle Langhe (nella zona di Serralunga/Monforte, a 15 km da Alba), sarà possibile assistere a Sinio a brevi esibizioni di teatro di strada di diverse compagnie che, a partire dal mattino, replicheranno fino all’ora della merenda sinoria le loro performance. Il Trio Sfaragià (Luca Santavicca, Silvia Genta, Claudio Canal) sara’ impegnato in: “Tutto quello che avreste voluto sapere sulla bagna caoda e non hanno mai avuto il coraggio di rivelarvi”. Al termine della performance, merenda sinoira per tutti offerta dal Comune.

Page 11 of 11:« First « 8 9 10 11